Save the Wave

Obiettivo duecento. Tanti sono i tunnel che Alberto Joao Jardim, governatore di Madeira da trentatré anni, ha intenzione di scavare tra le rocce di un’isola di soli 740 chilometri quadrati. A dire il vero, per oltre centoventi la missione è riuscita, e a questo si aggiunga il vezzo del più lungo di tutto il Portogallo, 3,5 km circa sulla rotta per Sao Vicente. Infrastrutture, superstrade, eventi. Il jardimismo, come lo chiamano qui, è la sintesi di passaggi a logica imprenditoriale: spesa pubblica, debito pubblico, produzione di Pil da ridistribuire, in eventi, superstrade, infrastrutture. Una crescita vorticosa, vertiginosa, che ha portato Madeira ad essere la regione economicamente più attiva della Lusitania, giovandosi di quell’autonomia speciale, fiscale e parlamentare conquistata nei primi anni 70’. Una crescita imperante, unilaterale, che ha altresì portato il minuscolo avamposto ad essere accusato di affossare il Portogallo intero, schiumando dall’Atlantico rivendicazioni e vittimismo da colonia quando dalla terra ferma dicono basta, stanchi di accollarsi irragionevoli passivi nel momento maggiormente delicato. Alberto Joao Jardim a carnevale sfila in mezzo alla gente, mascherandosi di volta in volta, glorificando immagini, tendenze, mestieri e simboli pagani, in testa al carosello come un re. Possiede l’unico giornale, servono dieci centesimi per acquistarne una copia e balza all’occhio la benevolenza. Alberto Joao Jardim vuole collegare tutto, obre de ligaçao l’appellativo sulla gazzetta ufficiale, Boaventura con Ponta Delgada, Ribeira de Janela a Porto Moniz e così via. Il nord è un cantiere a cielo aperto, al sud la via rapida corre da Caniçal a Ribeira Brava, una cinquantina di chilometri a centodieci all’ora, devo ammettere comodi e risolutivi. I mezzi pesanti evitano di compiere manovre azzardate su stradine strette un metro, i turisti viaggiano da un capo all’altro in meno di un’ora e mezzo. Mentre il rapporto tra domanda e offerta di lavoro è sei a uno, mentre alle elementari di Caniço girano anfetamine, mentre nella zona franca è arrivata la mafia, italiana, cinese, russa, mentre si invocano scioperi generali e lo stipendio minimo raggiunge appena i quattrocento euro mensili. Non è tutto. “Dentro la montagna e lungo la costa”, questo il motto. Paul do Mar è l’ultimo paradiso del surf, tre metri d’onda nelle giornate poco ventose, qualche affittacamere, un locale simpatico del quale già avevo parlato. Paul do Mar è anche l’ultimo paradiso dei giovani e contro la noia, lontano anni luce dai fasti rosati del Reids, dai finlandesi attempati al casinò, dai tedeschi al Mercado dos Lavoradores, dalla MSC attraccata al porto. Alberto Joao Jardim intanto inaugura negozi a Camara de Lobos, mentre i pescatori fanno la fame, e un giorno si un giorno no qualcuno s’accoltella. Dicevo, vogliono costruire una carreggiata a due corsie, di fianco una passeggiata a mare, di fianco ancora una barriera che rinforzi e protegga dalle onde. Che diventeranno sempre più piccole, che si mangeranno la spiaggia, che nessuno potrà più andare in acqua con la tavola. Non amo particolarmente il surf, ma odio il cemento e mi piacciono le onde. Non capisco più di tutto perché bisogna fare ligaçao di cose già ligaçate senza che vi sia un qualsivoglia beneficio di tempo, smaltimento o che altro. Non capisco, ancora, perché distruggere la parte dell’isola che ancora freme. Perciò invito voi che leggete a firmare questa petizione, è necessario solamente il nome e il numero della carta d’identità (BI), a condividere, pubblicizzare il post qui scritto e solo quello, soprattutto perché me ne vado dall’Italia e cade il berlusconismo, e dove vado poi, va beh, lasciamo perdere…

http://peticaopublica.com/PeticaoVer.aspx?pi=P2011N17499

Annunci

Ultim’ora

E’stato ritrovato questa mattina il corpo delle turiste danesi disperse dal primo di gennaio. Le due donne settantenni si erano avventurate lungo la Levada dos Piornais, il popolare sentiero che circonda le pendici della città di Funchal. Dopo giorni di vane ricerche i vigili del fuoco ne hanno individuato le figure senza vita in località Socorridos, nei pressi della centrale elettrica. La levada, all’attenzione delle cronache già per i frequenti episodi di furti, ritorna a far parlare di sé sul versante dell’incolumità. Seppur negli anni questa abbia fornito un modello esemplare di messa in sicurezza, talvolta la distrazione, le improvvise folate di vento, o il fondo scivoloso nei punti più esposti, possono risultare fatali. E’ quello per cui propendono le autorità investigative, che valutando l’ipotesi dell’incidente come la più accreditata, non si sentono comunque di escluderne altre in attesa dell’autopsia.